mercoledì, febbraio 08, 2017

Agroalimentare e bevande: un proficuo approccio al mercato USA

Marghera, 8 febbraio 2017. Si è tenuto nella sede di Confindustria Venezia l'incontro organizzato dalla stessa Confindustria Venezia, in collaborazione con Camera di Commercio Venezia e Rovigo Delta Lagunare, il Consorzio Invexport e THE ONE: Agroalimentare e bevande: un proficuo approccio al mercato USA.
Condotto dal presidente di questa importante realtà confindustriale, Matteo Zoppas, l'evento ha avuto come protagonista principale il fondatore di THE ONE, Lorenzo Zurino, giovane imprenditore che ha capito l'enorme spazio che il mercato nordamericano, da sempre appassionato del Made in Italy, offre alle aziende italiane.

I numerosi imprenditori presenti all'incontro hanno testimoniato l'interesse verso l'argomento, di particolare rilevanza per l'area veneziana che gode, oltreché del marchio "Made in Italy", anche della notorietà globale che la stessa città lagunare ha saputo conquistare.
Zurino ha spiegato con parole molto chiare cosa occorre sapere per potersi affacciare al mercato USA, molto ricettivo e con grandi opportunità ma anche decisamente selettivo e particolarmente attento alla serietà e correttezza nei rapporti tra aziende.

Il motivo per cui sono stato invitato a questo incontro è riconducibile al ruolo che il marketing on-line ricopre anche nell'internazionalizzazione delle aziende. Ferma restando la necessità di affidarsi a una struttura che, come THE ONE, ben conosca il mercato e sia capace di fare da tramite tra le aziende italiane e gli importatori USA, il marketing on-line rappresenta l'elemento che può fare la differenza tra il successo e l'insuccesso di un prodotto.

I clienti americani sono tra quelli che più si informano sul web e sui social media in particolare, è chiaro che, se hanno l'opportunità di venire in contatto con le peculiarità di un prodotto italiano attraverso il passaparola digitale, le probabilità che quel prodotto possa avere successo aumentano proporzionalmente con la sua notorietà e reputazione.

Una mattina di lavoro molto interessante anche per le testimonianze aziendali e per le numerose domande emerse nella discussione. Da ripetere anche in altre realtà.
Da sinistra: Alberto Carioni (Fattorie Osella), Lorenzo Zurino (THE ONE), Matteo Zoppas (Confindustria Venezia), Massimo Giordani (Ass. Italiana Sviluppo Marketing), Giampiero Santoni (Luzi Foods).

venerdì, gennaio 20, 2017

#Innovazione che piace

Milano, 20 gennaio 2017. Una giornata di confronto organizzata da italiaintesta - Osservatorio Tutela Prodotti Made in Italy sui temi dell’innovazione tecnologica, 7 ore di lavori, in cui in sono succeduti 18 relatori, tra i più importanti rappresentanti del mondo delle istituzioni, dell’imprenditoria, della comunicazione, giuristi ed esperti della rete.

Il tema della tutela del Made in Italy è sempre attuale e il marketing rappresenta una leva fondamentale per arrivare ad attuare strategie efficaci. Il mio contributo alla tavola rotonda si è concretizzato con un intervento dal titolo: La comunicazione dei prodotti - Evoluzione, metodologia e sviluppo del marketing nel mondo digitale. Il tema centrale della giornata è stato il concetto di innovazione di cui le strategia aziendali di marketing hanno certamente bisogno.

L’innovazione è elemento chiave della crescita ed è strettamente connessa allo sviluppo della ricerca scientifica e del progresso stesso, ma ciò deve avvenire secondo i principi della concorrenza leale sanciti dal nostro ordinamento”, ha affermato l'Avv. Licheri, promotore dell'incontro.

Una giornata multidisciplinare che ha visto la Samsung Arena affollata di persone interessate ai temi dell'innovazione finalizzata alla difesa del Made in Italy.

martedì, novembre 29, 2016

Roma, 29 novembre 2016. Huawei è una realtà che, fino a pochissimi anni fa, conoscevano solo gli addetti ai lavori. Oggi è un brand notissimo che sta macinando numeri impressionanti a livello globale. In Italia, oltre ad  aver aperto un importante centro di ricerca sulle microonde, nel 2015 ha avuto un tasso di crescita del 65% e nel 2016 ripeterà la performance.

Con queste premesse, è comprensibile il mio interesse quando Marco Lorusso, direttore responsabile @Digital4Trade, mi ha invitato a tenere un intervento sul marketing B2B al Partner Summit 2016, evento annuale che raduna gli attori principali del canale italiano Huawei.

La splendida cornice del Maxxi di Roma ha accolto i numerosi partecipanti all'evento che sono subito stati colpiti dall'apertura di Alessandro Cozzi, Country Director Italy. I tanti numeri presentati sono stati la conferma oggettiva del successo di questa azienda che aveva dichiarato, non molto tempo fa, di voler raggiungere entro il 2020 i 100 miliardi di dollari di fatturato. Ci arriverà sicuramente prima di quella data, complimenti davvero.


venerdì, novembre 25, 2016


Milano, 25 novembre 2016. Partecipare a un webinar è sempre un'esperienza interessante, niente pubblico, niente sale di grandi dimensioni, solo un paio di telecamere e molte luci, ben sapendo che il livello di attenzione di chi segue in remoto è, in molti casi, più alto di quello che si ha durante i convegni in presenza.

E così è stato per il webinar Come produrre contenuti efficaci per il Marketing digitale, organizzato da Digital4Marketing, frutto della collaborazione con l'Associazione Italiana Sviluppo Marketing e accessibile a questo link.

Manuela Gianni, direttore responsabile @Digital4Executive del Gruppo Digital 360, ha moderato la discussione tra me e Giorgio Santambrogio, AD Gruppo VéGé, che si è sviluppata tra considerazioni tecnico-organizzative ed esperienze nel mondo della Grande Distribuzione.

Un'ora trascorsa piacevolmente durante la quale ho avuto modo di apprezzare, ancora una volta, la competenza e la voglia di fare di Giorgio, nonché la professionalità di Manuela.

Appuntamento al prossimo webinar!


giovedì, novembre 10, 2016

Payvolution

Milano, 10 novembre 2016. Payvolution - Il Salone dei Pagamenti, ha visto nella sua prima edizione una grande partecipazione dei principali attori di questo articolato e dinamico settore. Tre giorni con 80 sessioni di lavoro per affrontare tutti i temi inerenti i pagamenti sulla base di 5 percorsi:

  • Banche
  • Corporate
  • Pubblica Amministrazione
  • Small business e Partite IVA
  • Final user & Education.

La sessione che mi è stato chiesto di moderare ha riguardato i pagamenti social ed ho avuto il piacere di discuterne con tre persone davvero preparate e portatrici di esperienze molto interessanti:
  • Matteo Flora, CEO & Founder The Fool
  • Antonio Valitutti, Head of Hype Gruppo Banca Sella
  • Giacomo Zucco, CEO del progetto Blockchainlab
La discussione ha spaziato dall'analisi del sentiment degli utenti fino alle prospettive dei pagamenti social attraverso logiche peer to peer certificate dall'algoritmo blockchain. Prospettive rivoluzionarie per un settore che ha sempre visto evoluzioni graduali e centrate sul ruolo di un operatore finanziario a fungere da garante.

Il futuro dei pagamenti è parte delle dinamiche della terza rivoluzione industriale, tutto sta cambiando a ritmi velocissimi e inarrestabili, dobbiamo essere pronti a sperimentare nuove opportunità per non rimanere ancorati a schemi ormai obsoleti.

Complimenti ad ABI Servizi che è stato il principale promotore di questo salone.

venerdì, ottobre 07, 2016

marketing.innova

Palmanova, 7 ottobre 2016. L'XI edizione di marketing.innova si è svolta a Palmanova, gioiello dell'architettura militare che meriterebbe maggiori attenzioni. Il titolo rappresenta l'ampio spettro dei temi affrontati: I fattori strategici del rilancio post Brexit - Dalle nuove professioni alla logistica e all'Internet delle cose. L'intervento da me tenuto si è focalizzato soprattutto sul tema delle nuove professioni nella terza rivoluzione industriale nel quale ho sottolineato la rilevanza del cambiamento determinato dalla nuova matrice comunicazione-energia-trasporti.
Temi che, con l'Associazione Italiana Sviluppo Marketing, approfondiremo anche in futuro per aiutare aziende e professionisti a guardare al futuro con curiosità e voglia di esplorare a fondo gli orizzonti aperti da questa fase storica di cui, in Italia, sinora, abbiamo colto soprattutto le implicazioni negative.



mercoledì, luglio 13, 2016

Master in Management dei Digital Media Content

Torino, 13 luglio 2016. La progettazione di un master di livello universitario non è banale, richiede un insieme di ingredienti che vanno dalle competenze specifiche agli aspetti organizzativi e amministrativi, oltreché molto tempo per la definizione dei moduli formativi, della comunicazione e delle modalità di relazione con i potenziali interessati.

Tutto ciò è stato messo insieme per il Master in Management dei Digital Media Content da un gruppo di persone che fanno capo a:
- Dipartimento di Management dell'Università di Torino;
- Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri,
- Associazione Italiana Sviluppo Marketing;
- CinEduMedia;
- NA_VI Evoluzione creativa.

Con queste persone (in particolare voglio citare: Valter Cantino, Damiano Cortese, Umberto Mosca e Claudia Pescitelli - Dipartimento di Management, Alessia Bondone e Franco Bottale - Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri) collaboro da anni su vari master e corsi specialistici per cui, quando ha iniziato a farsi strada l'idea di sviluppare un nuovo progetto, sulla base di precedenti Master, ho subito pensato che fosse una bellissima opportunità. Ho così coinvolto nella fase progettuale l'Associazione Italiana Sviluppo Marketing per il suo ruolo di attore di riferimento nel settore e via via si sono aggiunte altre realtà a supporto dell'iniziativa, elencate nel programma del convegno di
presentazione del Master riportato in calce.


Questo progetto si inserisce nel filone dell’Alta Formazione con alcune peculiarità che possono essere riassunte nello stretto rapporto tra il territorio, con il suo tessuto imprenditoriale, i giovani, sempre più bisognosi di strumenti utili a governare la complessità del mondo del lavoro attraverso competenze non tradizionali, e gli enti preposti alla loro formazione. Si tratta di un modello formativo capace di intercettare le reali esigenze del mercato e di fornire le riposte necessarie in termini di nuovi profili professionali. Tali esigenze determinano l’impostazione didattica della formazione, che integra le docenze e le testimonianze con master class, esercitazioni pratiche e project work.


Un advisory board apposito coinvolgerà gli stakeholder selezionati per definire con il loro supporto i contenuti didattici, le modalità di collegamento con il territorio selezionato e gli obiettivi del periodo di stage che concluderà il percorso formativo dando concretezza allo stesso attraverso prodotti immediatamente utilizzabili dalle aziende coinvolte.


I percorsi formativi si pongono in continuità con le precedenti esperienze dei Master in Management della Produzione audiovisiva e cross mediale e Master in Management dell’ospitalità e dello Sport, e dei cUaP in Management della cultura e in Media literacy (dipartimento di Management, Università di Torino), ma raccoglie e rielabora le nuove indicazioni provenienti dai diversi contesti aziendali e imprenditoriali in cui i nuovi contenuti audiovisivi digitali, derivazione e sintesi della convergenza tra vecchi e nuovi media, si stanno inserendo in maniera inedita e innovativa come strumenti strategici operanti su più livelli. Tali strumenti consentono di intercettare le reti sociali operanti sui vari territori e di dialogare con esse.


Partendo da un approfondimento, in ottica gestionale e manageriale, delle dinamiche che regolano i rapporti tra mercato, imprese e consumi nell’ambito dei contenuti culturali digitali (video, testi, fotografie, infografiche, ecc.), il percorso di formazione intende offrire una visione dei contesti produttivi, distinti ma spesso integrati, che offrono nuove opportunità e risorse dal punto di vista dello sviluppo professionale e degli obiettivi commerciali.


In un panorama della creatività digitale in cui gli strumenti della produzione tradizionale si misurano con un costante processo di rimediazione suggerito dalle infinite prospettive del web e del mobile, l’obiettivo formativo prioritario è volto ad approfondire le fasi essenziali della filiera di gestione dei contenuti e dei prodotti di innovazione digitale: dalla progettazione alla scrittura e alla produzione, dalla distribuzione alla comunicazione integrata e al marketing.

Il percorso fornisce pertanto le competenze utili a disegnare piani integrati di progettazione, produzione e distribuzione che valorizzino il profilo specifico di ciascun prodotto digitale, vale a dire la sua capacità di collocarsi sia a livello di contenuti che di stile in una strategia più ampia relativa all’identità delle aziende e delle esperienze professionali.

Particolare attenzione è rivolta alle strategie di finanziamento dei progetti e alla loro declinazione in un’ottica di sinergia strategica con il territorio e le relative reti sociali.


In un mercato del prodotto digitale in costante evoluzione si cita, tra i profili professionali emergenti, il branded content producer & manager che nasce proprio nell’ambito delle trasformazioni in atto nella comunicazione aziendale, dove risulta sempre più strategico il dialogo con il mondo della cultura e della creatività. Una figura che incarna la capacità di ideare e progettare, produrre e gestire, nuovi contenuti digitali e multipiattaforma orientati alla valorizzazione del brand, attraverso le nuove forme di storytelling basate sul coinvolgimento emotivo ed esperienziale del cliente/ spettatore. il percorso formativo si svolge con il contributo di docenti provenienti da importanti università nazionali e di professionisti con rilevanti esperienze aziendali nelle aree di formazione del Master.

Il Master è caratterizzato da un percorso di studi assolutamente unico a livello nazionale che si pone l’obiettivo di offrire una preparazione di carattere interdisciplinare con una forte connotazione manageriale e gestionale che, supportata da un significativo periodo di stage, formi a operare con competenza e flessibilità nei settori dell’editoria digitale, della comunicazione e del marketing, sulle piattaforme digitali e nella comunicazione del prodotto in ambienti di nuovi media e social media.

I percorsi di Alta Formazione sono destinati a laureati di tutte le discipline (laurea di I livello, laurea vecchio ordinamento, laurea di II livello, lauree straniere equipollenti), ai dipendenti della pubblica amministrazione, agli occupati dell’impresa, ai diplomati con documentata esperienza lavorativa, ai professionisti del marketing e della comunicazione.

Il programma del convegno di presentazione che si è tenuto presso il Cine Sito di Torino è stato decisamente nutrito e capace di comunicare l'articolazione dei temi principali che il Master affronterà. Questo il dettaglio degli interventi.


Saluti istituzionali
▸ Attilio Bondone - Presidente Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri
▸ Valter Cantino - Direttore Dipartimento di Management dell’Università degli Studi di Torino
▸ Paolo Manera - Direttore Film Commission Torino Piemonte

Moderazione degli interventi a cura di Massimo Giordani
(Vice Presidente AISM)

▸ Presentazione del percorso formativo - Umberto Mosca
(Dipartimento di Management e Presidente NA_VI Evoluzione creativa)
▸ I nuovi media nella formazione universitaria - Ambrogio Artoni
(Presidente CinEduMedia)
▸ Il digitale nello Storytelling delle Imprese - Massimo Giordani
(Vice Presidente AISM - Associazione Italiana Sviluppo Marketing)
▸ Il digitale nello Storytelling dei Territori - Damiano Cortese
(Dipartimento di Management)
▸ Start-Up e Media Content - Giuseppe Serrao
(Direttore 2I3T Incubatore d'Impresa Unito)
▸ Tax Credit - Mario Grandinetti
(Dipartimento di Management)
▸ Il Cinema incontra le Aziende - Paolo Tenna
(Amministratore Delegato FIP - Film Investimenti Piemonte)
▸ Gli scenari europei della formazione audiovisiva, Savina Neirotti
(Direttrice Torino FilmLab)
▸ Uno sguardo alle società di produzione europee indipendenti - Silvia Sandrone
(Responsabile Ufficio Media Europa Creativa Torino)
▸ Aspetti organizzativi del Percorso di Alta Formazione - Franco Bottale
(Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri)

Per informazioni e iscrizioni:
www.casadicarita.org/cdc-master-dmc/